sabato 18 maggio 2019

L’OPERA DELL’UOMO E LA STORIA DEL DELTA DEL PO


L’OPERA DELL’UOMO E LA STORIA DEL DELTA DEL PO

I testi condivisi da un lavoro comune dei due Parchi, quello Veneto e quello dell’Emilia Romagna.
II Delta del Po è un territorio costruito, nel corso dei millenni, dai sedimenti depositati dal nostro più grande fiume e ridistribuiti dall'azione del mare e del vento. L'uomo, nel tempo, ha assunto nell’evoluzione del Delta un ruolo sempre maggiore, fino a divenirne il protagonista quando, quattro secoli fa, ha realizzato il taglio di Porto Viro, dal quale ha preso origine il Delta Moderno. Oggi il suo compito è far riemergere, storia e natura di questo territorio, divenendone il custode.







lunedì 13 maggio 2019

DIABETE - PERCHÈ ASSOCIARSI ?



PERCHÈ ISCRIVERSI ALL'ASSOCIAZIONE  DIABETICI


ISCRIZIONI 2019


Iscriversi all'Associazione Diabetici di Rovigo significa dare il proprio contributo affinché i progetti e le attività promosse per la cura, la prevenzione e la tutela delle persone affette da diabete o a rischio, possano avere continuità.
L'essere iscritti non vuol dire "appartenere" bensì credere e voler sostenere quello che proponiamo e facciamo nei riguardi di tutta la popolazione.

Organizziamo importanti incontri pubblici per promuovere la prevenzione, fra i quali la Giornata Mondiale del Diabete; organizziamo controlli gratuiti della glicemia; realizziamo  e distribuiamo materiale informativo. Ma possiamo fare di più se avremo più risorse finanziarie a disposizione e volontari che aiutino.



L’iscrizione si effettua versando la quota di euro 10,00 (dieci) presso la Sede dell'Associazione, sita presso il Centro Antidiabetico di Rovigo - in Viale Tre Martiri, n. 140, nei giorni della settimana in cui la Sede è aperta, dalle ore 10 alle ore 12, normalmente il MARTEDI’ – MERCOLEDI’ – GIOVEDI’. Chi versa di più è socio sostenitore, oppure “donatore”, con diritto allo sconto fiscale.

Si può fare con bonifico bancario sul nostro c/c presso Banca Intesa San Paolo SpA - Filiale Ospedale Civile – Rovigo. Questo è in nostro IBAN – che vale anche per le DONAZIONI

IT 05 V 03069 12214 100000000664

indicando nella causale: iscrizione all’Associazione 
e/o donazione

comunicando i dati richiesti: Nome e Cognome, luogo e data di nascita, indirizzo completo (Cap, Comune, via, numero); il numero telefonico per facilitare i contatti e l’eventuale indirizzo di posta elettronica: e-mail, utilizzando il nostro sito di posta elettronica, oppure i nostri recapiti telefonici.

Si possono iscrivere le persone con diabete, i familiari e tutti coloro che desiderano portare il loro contributo di sostegno alle iniziative dell'Associazione.





I soci dell'Associazione Diabetici di Rovigo diventano automaticamente aderenti alla Federazione Nazionale delle Associazioni Diabetici (FAND) ed acquisiscono i seguenti benefici:


--> ASSICURAZIONE INFORTUNI gratuita per incidenti professionali ed extraprofessionali, (limite di età 80 anni);  --> ASSISTENZA LEGALE --> PRONTOFAND: servizio telefonico attivo solo sabato e domenica dalle ore 9.00 alle ore 18.00, al numero verde 800.82.00.82
--> MATERIALE INFORMATIVO GRATUITO


QUESTI I NOSTRI NUMERI TELEFONICI ED I NOSTRI SITI INTERNET:

Segreteria: 0425.393024 -  Mario Martin – Presidente  339.3311725
Otello Segantin – V.Pres.  335.6349654 - Fedele Riccio – Segret.  335.5386899
e-mail        :  associazionediabeticidirovigo@gmail.com



Il nostro Ufficio presso il Centro Antidiabetico dell'Ospedale di Rovigo ed alcuni esempi del materiale da noi prodotto e distribuito



LA SALA RIUNIONI

















martedì 30 aprile 2019

UN GRANDE SERVIZIO DIVULGATIVO DI ASSODIABETICIROVIGO

“Assodiabeticirovigo”  https://assodiabeticirovigo.blogspot.com/  

è il blog dell’Associazione Diabetici di Rovigo in ambiente GOOGLE, che ha diffusione mondiale.



  È lo strumento che consente all’Associazione di pubblicare articoli, foto e video che riguardano prevalentemente argomenti di prevenzione della malattia e delle sue complicazioni.
Gli articoli del blog vengono poi pubblicati in FACEBBOK, nella Pagina dell’Associazione  https://www.facebook.com/assodiabeticirovigo/  
Il tutto è riassunto nel sito web generale https://www.diabeterovigo.it/ .

Gli argomenti vengono poi condivisi in decine di altri gruppi e pagine FB. Tutti i giorni, alcuni degli articoli pubblicati, che contengono testo, video e foto, sono visitati con medie altissime di numero di pagine aperte. Nel complesso oltre 10.000 ogni mese. Infatti, alla data odierna, sono circa 192.000 pagine aperte in 18-19 mesi.

Questi rilevanti numeri contraddicono la scarsa partecipazione delle persone con diabete alle iniziative di prevenzione dell’Associazione. 


Le ragioni di tale comportamento sono facilmente intuibili: l’età avanzata, i problemi della malattia diabetica e, forse, l’errato convincimento che sia sufficiente essere seguiti dagli specialisti del “Centro”. Tralasciamo le motivazioni di quelle persone che si ritengono sane e di quelle che non sanno di essere a rischio o di avere il diabete; queste subiscono il comune convincimento che sottovaluta la pericolosità del diabete.  

Non è condivisibile la motivazione delle persone seguite dal Centro; innanzitutto perché le visite sono di carattere specifico e, purtroppo, limitate nei tempi di udienza, con eccezioni ai casi più gravi; inoltre, il CUP fissa visite con ritardi di mesi rispetto alle richieste dei medici di base, causa comune della sproporzione del rapporto specialisti, numero degli assistiti, in continuo aumento.   

La partecipazione ad incontri pubblici tematici, nei quali i relatori sono degli insigni esperti, è un dono che non merita di essere rifiutato e supplisce alle difficoltà del sistema.

È un dono anche la disponibilità che viene offerta dai siti web che si occupano di diabete, compresi quelli dell’Associazione. Molti dispongono del computer, ma sicuramente sono molto più numerose le persone che dispongono di uno smartphone, oggetti molto tecnologici e non semplici per chi li usa solo come telefonini; in questo caso le persone anziane possono farsi aiutare dai membri più giovani della famiglia.

In questo “post” abbiamo messo la foto di come appare il blog nel PC e nello smartphone; inoltre, riproponiamo l’intera pagina dedicata al tema IL MIO DIABETE, pagina presente nel menù di testa.





IL MIO DIABETE – 12 VIDEO IN UNICO FILE
E GLI INDIRIZZI DEI VIDEO 
CON GLI  ARGOMENTI SEPARATI   

La collana “IL MIO DIABETE” di diabete Italia trasformata in video con musica dall’Associazione Diabetici di Rovigo. Si tratta di dodici libretti che riassumono le informazioni principali su altrettanti temi-chiave della terapia e della vita con diabete.

In internet, gli originali si trovano a questo indirizzo: 

Ogni libretto è stato da noi trasformato in video autonomo  ed è stato inserito in questa Playlist:  

IN QUESTA PAGINA ANCHE I LINK PER APRIRE SINGOLARMENTE GLI ARGOMENTI CHE INTERESSANO

Noi dell’Associazione Diabetici pur nella consapevolezza che poche persone anziane siano in possesso di computer e siano in grado di guardare questo tipo di realizzazioni, insistiamo nell’uso di questo strumento, nella speranza e convinzione di essere aiutati dai familiari e dagli amici delle persone ammalate, che pur non essendolo  amano i loro cari e li aiutano nella gestione della malattia. I post dell’Associazione hanno il principale scopo di diffondere al massimo  le informazioni per educare e per prevenire  la malattia e le sue complicazioni se trascurata.


clicca l'immagine per aprire il video unificato



I SITI WEB DELLA
ASSOCIAZIONE DIABETICI DI ROVIGO

DIABETEROVIGO.IT -  È un sito statico tradizionale con una pagina principale ed altre pagine. Nella pagina principale ci sono vari argomenti di carattere generale e il collegamento agli altri siti web dell'Associazione - Nella testata il motto "CONOSCERE X PREVENIRE"

https://www.diabeterovigo.it/



IL BLOGSPOT - https://assodiabeticirovigo.blogspot.it/

Il blog in ambiente “google”, sostituisce il tradizionale sito internet, con le pagine istituzionali: chi siamo, mission, iscrizioni, il centro antidiabetico, la fand, ecc. …  nella pagina “home”, mettiamo i post con le notizie e le comunicazioni importanti in tema di diabete – tutti i post sono visibili anche con i telefonini.e’ gestito da amministratori soci dell’associazione - e’ visibile in tutto il mondo

È uno strumento che consente all’associazione di comunicare con immediatezza notizie, immagini e video ai propri “fans”, che possono essere anche non iscritti all’associazione. per divenire “fans”  e’ sufficiente  cliccare “mi piace” sulla pagina. viene implementata con i post contenenti immagini, notizie, video, comunicati, ecc. da parte di amministratori nominati dall’associazione. –
È visibile (anche con i telefonini) da parte di tutte le persone che sono registrate personalmente  in “facebook”. temporaneamente e’ stata disabilitata la facolta’ dei visitatori e fans di postare propri commenti ai post degli amministratori.



IL "GRUPPO POLESANO DIABETE" 

https://www.facebook.com/groups/diabetepolesine/

Provvisoriamente è un gruppo pubblico – tutti possono chiedere l’iscrizione e tutti possono pubblicare post e commenti, rispettando il regolamento – ma devono essere personalmente iscritti a facebook – è amministrato da amministratori nominati dall’associazione.
È uno strumento che consente qualsiasi tipo di comunicazione da parte dell’associazione e il dialogo fra le persone interessate al diabete ed alla prevenzione delle complicanze.

Per non confondere il gruppo con l’associazione è stato assegnato il nome “diabetepolesine”

domenica 28 aprile 2019

LA SINTESI DELLA LEZIONE SULL’AUTO CONTROLLO GLICEMICO


AUDITORIUM OSPEDALE DI ROVIGO 
27 APRILE 2019



In occasione dell’Assemblea Annuale dei Soci dell’Associazione Diabetici di Rovigo, incontro educativo sul diabete presso l’Auditorium dell’Ospedale di Rovigo. L’autocontrollo glicemico strutturato. Opportunità di partecipazione del paziente alla cura del diabete di tipo 2.

Una lezione a tutto campo quella di ieri, sabato 27 aprile, del dottor Francesco Mollo, diabetologo, Responsabile del Centro Antidiabetico di Rovigo. La base del rapporto fra medico e paziente in una malattia che richiede da parte del paziente non solo l’assunzione delle medicine. È emerso un importante chiarimento: l’autocontrollo è utile al paziente ed è essenziale per il medico. che devono entrambi saper interpretare i dati e, conseguentemente, devono decidere cosa fare. Ma è necessario che il paziente esegui l’autocontrollo, compili il diario e segua le indicazioni ricevute. Ecco in cosa consiste la partecipazione del paziente alla cura del Diabete.

L’autocontrollo glicemico quotidiano è indispensabile per i pazienti con diabete tipo 1 e con diabete tipo 2 insulino-trattati. L’autocontrollo domiciliare, con diversa frequenza di misurazione, è utile per tutte le altre persone con diabete che abbiano ricevuto informazioni per interpretare il dato glicemico in modo da sapere sempre di più sul proprio diabete.

 Nel diabete non insulino-trattato non conta tanto la frequenza dei controlli ma la loro capacità di aprire più ‘finestre’ possibili sul proprio equilibrio. I controlli della glicemia non vanno fatti a caso
e nemmeno sempre e solo alla stessa ora. a volte, nel diabete tipo 2, basta fare le misurazioni solo qualche settimana all’anno. Per questo motivo, lo schema delle misurazioni deve essere concordato con il diabetologo e si deve tenere diligentemente il diario. Esempi di schemi strutturati: a coppie, a scacchiera, a curva glicemica. Un grande impegno, ma necessario.


Molti gli interventi dei presenti con domande, specialmente riguardanti i valori alti della glicemia che generano paure ed apprensioni. A tutti la risposta del dott. Mollo: una glicemia ‘alta’ non è un brutto voto a scuola. È un indizio su cui ragionare, cercando di capire le cause per imparare di più sul proprio diabete. Ciò che conta è la media delle glicemie, non di un solo giorno, ma di tre-quattro mesi. Utile è il controllo dell’emoglobina glicata due volte l’anno per il diabete di tipo 2 non insulino trattato, 4 volte l’anno per chi è controllato con l’insulina. Ma attenti, la media dipende da molti fattori, alcuni dei quali hanno spiegazioni e sono controllabili.

ALCUNE IMMAGINI DELL'EVENTO:

















martedì 16 aprile 2019

ROVIGO - AUTOCONTROLLO GLICEMICO STRUTTURATO - 27 APRILE 2019

AUDIUTORIUM OSPEDALE DI ROVIGO




1) 
ore 9.30 Assemblea annuale dei Soci della Associazione Diabetici di Rovigo

2)   




IL VIDEO DELL'ASSOCIAZIONE DIABETICI DI ROVIGO

Oltre la metà del video contiene i testi del libretto n.11 di Diabete Italia della serie "IL MIO DIABETE", con lettura in automatico con chiara voce femminile. Nell'ultima parte ci sono istruzioni per l'auto calcolo della media glicemica e dei valori dell'emoglobina glicata, oltre ad una tabella di conversione dei valori, ottenuta con lo stesso metodo. Tutti sono in grado di eseguire le operazioni aritmetiche apprese alla scuola elementare, senza bisogno di computer, calcolatrici ed altro; ma è necessario l'impegno nell'autocontrollo, che deve essere "strutturato", come insegnerà il diabetologo. (Autore del video: Pino Schiesari)



DI SEGUITO I TESTI DI DIABETE ITALIA:

MISURARE LA GLICEMIA


PAGINA  2 
INTRODUZIONE.

  • Perché è importante misurare la glicemia?

L’automonitoraggio, o autocontrollo glicemico, consente alla persona con diabete di gestire la sua condizione. 
Potendo misurare da solo in qualsiasi momento la variabile chiave del diabete, la persona può diventare un esperto e un protagonista della cura.
Deve però avere le conoscenze necessarie per riflettere sul dato glicemico e agire di conseguenza.


  PAGINA 3
PRESCRIZIONE

  • Chi può e chi deve controllare la glicemia?

L’autocontrollo glicemico quotidiano è indispensabile per i pazienti con diabete tipo 1 e con diabete tipo 2 insulinotrattati.
L’autocontrollo domiciliare, con diversa frequenza di misurazione, è utile per tutte le altre persone con diabete che abbiano ricevuto informazioni per interpretare il dato glicemico in modo da sapere sempre di più sul proprio diabete.



PAGINA  4
LIMITI ALLA PRESCRIZIONE

  • La ASL mi passa poche strisce, come faccio?

Nel diabete non insulinotrattato non conta tanto la frequenza dei controlli ma la loro capacità di
aprire più ‘finestre’ possibili sul proprio equilibrio. I controlli della glicemia non vanno fatti a caso e nemmeno sempre e solo alla stessa ora. a volte, nel diabete tipo 2, basta fare le misurazioni solo qualche settimana all’anno.
Chiedete al medico uno schema di autocontrollo.


PAGINA  5
AUTOCONTROLLO STRUTTURATO

  • Cosa significa "controllo strutturato"?
Significa organizzato secondo degli schemi: lo schema ‘a coppie’ misura la glicemia prima e dopo un evento che potrebbe influenzarla (un pasto o una camminata). 
Nello schema ‘a scacchiera’ si effettua una coppia ogni giorno (lunedì prima e dopo colazione, martedì prima e dopo la palestra, ecc.). 
Lo schema ‘a curva glicemica’ prevede 5 misurazioni nello stesso giorno.



PAGINA  6
SCHEMI DI MISURAZIONE

  • Io uso insulina, quando devo misurare la glicemia?

La persona che usa insulina o sulfaniluree dovrebbe misurare la glicemia 3-5 volte al giorno e ogni volta che avverte qualcosa di strano. 
I controlli vanno moltiplicati durante le malattie, gli stati febbrili e dopo dei traumi.
Sopore, stanchezza, cali temporanei della vista possono essere segno di iperglicemie
mentre fame e nervosismo possono indicare ipoglicemie.


PAGINA 7
DIARI GLICEMICI

  • Vale la pena di tenere un diario glicemico?

Certamente sì. 
Nel diabete è importante la variabilità delle glicemie. Un diario glicemico ricco di misurazioni prese a ore diverse nel diabete tipo 2 (e prima e dopo ogni pasto e ogni iniezione nel diabete insulinotrattato) consente al Diabetologo di personalizzare la terapia, oltre a dare informazioni precise al paziente per un continuo miglioramento.


PAGINA 8
COME FARE

  • Come si esegue concretamente l'autocontrollo?

È molto semplice: si monta un ago, detto lancetta, sul pungidito e lo si applica sul polpastrello. Premendo un pulsante esce una microgoccia di sangue che viene apposta su una striscia reattiva. Questa viene letta da un glucometro che visualizza e memorizza la glicemia.
Si può misurare la glicemia ovunque e in ogni momento.

PAGINA  9
COME REAGIRE

  • Cosa devo fare se leggo un dato sballato?
Nelle persone che usano insulina se la glicemia è sotto 90 mg/dL (ipoglicemia) occorre subito
assumere zuccheri. Se supera i 300 mg/dL vale la pena di misurare anche i chetoni nel sangue.
C’è un concetto però che vale per tutti: una glicemia ‘alta’ non è un brutto voto a scuola.
È un indizio su cui ragionare, cercando di capire le cause per imparare di più sul proprio diabete.


PAGINA  10
EMOGLOBINA GLICATA

  • Cosa vuol dire HbA1c e cosa c'entra con la glicemia?

L’emoglobina glicata (hba1c) misura la ‘media’ del controllo glicemico nei due-tre mesi precedenti. deve essere misurata almeno due volte l’anno nelle persone con diabete tipo 2, e quattro volte l’anno nelle persone trattate con insulina o scompensate. i livelli ‘ideali’ variano da persona a persona.
Più l’emoglobina glicata è alta, maggiore è il rischio di complicanze.


PAGINA  11
CGM

  • Cosa sono i sensori, possono servire?
La misurazione in continuo della glicemia (in sigla inglese CGM) rileva la glicemia più volte ogni ora
attraverso dei sensori posti sulla pelle. Nelle persone trattate con insulina può contribuire a ridurre le ipoglicemie e può essere di utilità nel ridurre l’emoglobina glicata in persone molto ben formate, soprattutto se usano il microinfusore.


IL CONTROLLO DELLA GLICATA


SI PUO' FARE ANCHE MANUALMENTE